Categorie
News

LA CRISI DEL GRANO DALL’UCRAINA

Il Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (Ifad) ha pubblicamente espresso la sua preoccupazione rispetto ai rischi legati all’inflazione alimentare globale che l’aggressione prolungata della Russia all’Ucraina potrebbe provocare. Con gradi di gravità e coinvolgimento differenti, la guerra minaccia la fornitura di grano in Europa, Africa e Asia, che si affidano al commercio di grano e di cereali provenienti dalle terre agricole della regione del Mar Nero. Al momento, le forniture globali di grano sono in pericolo, mentre i prezzi sono già aumentati del 55 per cento, a cui si aggiungono le importanti problematiche logistiche del trasporto intermodale. Secondo Arnaud Petit, l’autorevole direttore dell’International Grains Council, se la guerra dovesse protrarsi a lungo, i Paesi che dipendono dalle esportazioni di grano dall’Ucraina potrebbero trovarsi di fronte a sostanziali carenze a partire dal prossimo mese di luglio.

Un conflitto prolungato avrebbe un impatto devastante in Egitto, il più grande importatore di grano del mondo. Con circa un terzo delle persone che vivono in povertà, sono milioni gli egiziani che si affidano al pane sovvenzionato dalle istituzioni governative, (una sorta di “pane pubblico” lavorato con il grano ucraino) per sopravvivere. La crisi ucraina riporta l’attenzione degli analisti economici e degli esperti del food sull’importanza della valorizzazione dell’economia della dieta mediterranea, incentivando il consumo dei cereali autoctoni mediterranei e delle eccellenze ittiche locali. Una proposta che potrebbe innescare meccanismi di valorizzazione per le giovani professioni in Italia, come chiede da tempo Gi.&Me Association, guidata dall’ingegnere Franz Martinelli, e che trova in Italia ulteriore slancio dalle recenti proposte di Ismea che ha messo all’asta quasi 20mila ettari di terreno per i giovani agricoltori, finalizzati all’acquisto di uno o più terreni dalla Banca nazionale delle terre agricole.

Una nuova opportunità imprenditoriale che potrebbe rilanciare, nel corso del tempo, la produzione nazionale e di qualità del grano mediterraneo. Come ribadito più volte dal Future Food Institute, lavorare sulle opportunità della dieta mediterranea vuol dire intraprendere proposte di innovazione e sostenibilità per le future dinamiche del food che guardano al bacino culturale agricolo del nostro passato. Gi.&Me Association sta collaborando ai progetti coordinati da Enco Srl, società di consulenza nel settore dell’innovazione, che annovera oltre venti progetti finanziati a valere sui fondi Horizon 2020, legati all’innovazione e alla sostenibilità dei programmi alimentari.

Tra questi, meritano particolare attenzione il progetto “Shealthy”, con le tecnologie non termiche per preservare la qualità nutrizionale e prolungare la durata di conservazione dei prodotti ortofrutticoli minimamente lavorati, il progetto “Surefish” sulle tecnologie blockchain per la tracciabilità del pescato nel Mediterraneo e il progetto Switchtohealthy, il cui obiettivo generale è di modificare il comportamento alimentare dei consumatori, promuovendo al meglio il ruolo della famiglia, per l’adesione alla dieta mediterranea di tutti i suoi membri, (adulti, adolescenti e bambini) in tutta la regione del Mediterraneo e in altre parti del mondo.

Articolo pubblicato dal quotidiano “L’Opinione“.

Categorie
Blog News

Sulle nostre iniziative …

A latere delle attività proprie del Rotary Club Roma Cassia, l’Associazione “I Rotariani per i Giovani del Mediterraneo”, meglio nota come “Gi.&Me.Association” – il cui sito internet è “www.assgimed.com”- , sta portando avanti numerosi progetti formativi, uno dei quali è denominato SUREFISH, che è a tutti gli effetti operativo e che ci vede impegnati
assieme a Slow Food Tebourba Association (Tunisia) in partnership con operatori Italiani, Spagnoli, Tunisini, Egiziani e Libanesi. Il progetto, che ha per obiettivo la valorizzazione del patrimonio ittico del Mediterraneo attraverso la tracciabilità del pescato e che potrà vedere anche la partecipazione di altri soci del Club con le competenze del caso, nel momento in cui se ne ravviserà l’opportunità di poterlo fare.

L’Associazione fu costituita il 2 aprile 2014 da 24 soci tra rotariani e
rotaractiani
del Club Rotary Roma Cassia, con lo scopo di tutelare e valorizzare le attività, di carattere formativo, culturale e sociale poste in essere dai soci dei Club aderenti al Rotary International, finalizzate ad aiutare i giovani dei Paesi del Mediterraneo a lavorare assieme, indirizzandoli verso un cammino di pace e di produttività e supportandoli a sviluppare al meglio le loro capacità individuali.

Inoltre, in occasione della relazione programmatica di Franz Martinelli, presidente del Rotary Club Roma Cassia e di Gi.&Me Association, Domenico Letizia, responsabile della comunicazione dell’Associazione di giovani rotariani, è stato “spillettato”, dal presidente Martinelli, come nuovo socio del Rotary Club Roma Cassia.

Categorie
News

Intervento di Franz Martinelli all’evento dedicato alla “Dieta del Benessere”

Il 12 agosto si è svolto l’evento dedicato alla “Dieta del Benessere” con la presentazione del libro dedicato alla Dieta Mediterranea di Andrea Ricci e Roberta Niglio. Oltre agli autori è intervenuto Stefano Pisani, Sindaco del Comune di Pollica. Durante i lavori è intervenuto anche Franz Martinelli, presidente di Gi.&Me. Association – Associazione Rotariani per i Giovani del Mediterraneo che ha avuto uno scambio di idee con il Sindaco di Pollica, ribadendo l’importanza di avviare, lungo il territorio italiano, degli hub economici e culturali per valorizzare il food di qualità, promuovere i valori della Dieta Mediterranea, sviluppare nuove sinergie e valorizzare la portata culturale e di socializzazione che caratterizza il contesto mediterraneo, come si sta facendo con il Future Food Institute.

Categorie
Blog News

Focus: lo spazio e l’ambiente

Il Rotary ha adottato l’Ambiente tra i temi prioritari del proprio impegno e della propria iniziativa. Le tecnologie e i sistemi spaziali sono una potente strumentazione abilitante per la conoscenza e il monitoraggio del territorio e dell’ambiente per le più consapevoli ed incisive politiche di sostenibilità ambientale su scala globale e locale.

Lunedì 14 giugno 2021, il Rotary Club Roma Cassia organizza l’evento “Focus: lo spazio e l’ambiente” che vedrà la partecipazione dell’Ingegner Massimo Claudio Comparini, CEO di Thales Alenia Space spa.

La nostra immagine riflette spesso il nostro stato d’animo. Mi accorgo che parlare di innovazione, di tecnologia, di futuro e confrontandomi su tali temi per capire come contribuire allo sviluppo del paese e per le nuove generazioni ispira positività. Ne sono felice. Lavoriamo tutti, ognuno nel nostro piccolo per un paese che si rinnova, che trovi la forza di guardare al futuro con più ottimismo, che riesca a dare spazio a giovani, alle donne, alle competenze“.

Massimo Comparini.

Siamo orgogliosi di avere Massimo tra i fondatori di Gi.&Me. Association“, ha dichiarato il presidente di Gi.&Me. Association, Franz Martinelli.

Categorie
Blog News

Glutine: il nuovo Nemico Pubblico?

Viene consumato dal 25% degli adulti negli Stati Uniti, e tra l’8 e il 15% degli europei: il cibo senza glutine è ormai un business che genera un fatturato di 15 miliardi di euro (dati del 2018 alla mano). Cos’ha generato l’onda planetaria del gluten free, suffragata da alcuni volti noti di Hollywood e da sportivi di primo piano, come il n.1 dei tennisti Novak Djokovic? Trattasi di una “moda” alimentare o dobbiamo dar credito ai nuovi Don Chischotte in guerra contro il Mulino del pane?Il grano è onnipresente nelle abitudini alimentari dell’essere umano contemporaneo. I dati parlano di un 30% di prodotti contenente glutine, usato come additivo industriale a partire dal 1977. Molti hanno individuato nella dieta gluten free la risposta alla proliferazione di intolleranze e casi di celiachia, ma l’apporto nutrizionale di questa categoria di cibi si riduce drasticamente. Questo documentario si propone come bussola per dare più potere alle nostre scelte e adottare uno stile di vita più sano.

Per vedere il documentario:

Categorie
Blog News

La pesca in Tunisia e le aspettative del consumatore locale

Numero di febbraio 2021 del mensile “Il Previdente”. Approfondimento a cura di Domenico Letizia.

Categorie
Blog News

Grano: la crescita del prezzo e l’importanza di un prodotto certificato e di qualità

La pandemia sanitaria ha riscritto gli scenari economici legati alla diffusione e al costo del grano così come ha reso importante avviare progetti per la sostenibilità e diffusione del cibo in tutto il Mediterraneo. Un approfondimento curato da Domenico Letizia sul lavoro di Gi.&Me. Association pubblicato dal mensile "Il Previdente".
La pandemia sanitaria ha riscritto gli scenari economici legati alla diffusione e al costo del grano così come ha reso importante avviare progetti per la sostenibilità e diffusione del cibo in tutto il Mediterraneo. Un approfondimento curato da Domenico Letizia sul lavoro di Gi.&Me. Association pubblicato dal mensile “Il Previdente”.

Per scaricare l’intero numero della rivista:
https://fp.cisl.it/2020/12/03/online-il-nuovo-numero-de-il-previdente-di-novembre-2020/
Categorie
Blog News

Cresce la collaborazione tra Italia e Tunisia

Il presidente di Gi.&Me. Association, Franz Martinelli, ha incontrato il Console di Tunisia a Napoli Beya Ben Abdelbaki Fraoua per approfondire le opportunità di collaborazione, ricerca, innovazione e tutela del pescato attraverso il progetto Surefish. L’obiettivo è quello di valorizzare il patrimonio ittico del Mediterraneo, attraverso il monitoraggio e l’analisi della tracciabilità, della sostenibilità e dell’autenticità del pescato del nostro mare comune. Un network che si avvale dell’utilizzo di tecnologie e competenze su ICT, blockchain, etichettatura e imballaggi intelligenti, utilizzando metodi analitici e sensoriali innovativi per la tracciabilità e la valutazione della pesca. Allo stesso tempo, il progetto intende sviluppare strategie di comunicazione e informazione per promuovere la fiducia dei consumatori, con marchi di certificazione e APP dedicate, per tutelare le specie in pericolo nel Mediterraneo e per condividere i dati delle ricerche con tutti i protagonisti del network.

Gi.&Me. Association ha sviluppato molta ricerca intorno al progetto Surefih, elaborando numerosi approfondimenti curati da Domenico Letizia, giornalista e responsabile della comunicazione di Gi.&Me.

Categorie
Blog News

Unite dalla via del grano. Italia e Tunisia più vicine

Il grano, ieri come oggi, è al centro di importanti decisioni geopolitiche mondiali, che interessano i maggiori consumatori al mondo, ossia l’area mediterranea. L’ agricoltura e l’alimentazione sono sempre più un settore strategico per lo sviluppo nazionale dei paesi del Mediterraneo. Il tasso di crescita demografica nella sponda sud del Mediterraneo impone diverse necessità: food, energia e abitazioni. Tutte queste cose necessitano di enormi quantità di terra. Per contro, nella sponda nord, esistono milioni di case disabitate e migliaia di tonnellate di cibo sprecato. Sono in molti a rendersi conto che per lo sviluppo sostenibile del Bacino comune, rispettando l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, solo la cooperazione tra le due sponde del Mediterraneo può generare produttività, ricchezza, sostenibilità e diffusione di benessere alimentare. Diversi gli eventi dedicati alla collaborazione in tema food tra Italia e Tunisia. A Tebourba, nel locale dell’Associazione Slow Food Tebourba, gestito dai fratelli Marzouk Mejri e Nabil Ben Marzouk è sorto il progetto “Grani Antichi di Tunisia”, ad opera dei Rotary Clubs Latina, Roma Cassia e Tunis Mediterranee, che è stato finanziato dalla Rotary Foundation e dove vengono attualmente prodotti pane e suoi derivati (couscous e bourgul) solo ed esclusivamente con grano autoctono del territorio. “Il tema dell’educazione alimentare è di estrema importanza e di grande attualità a livello globale”, sottolineò Lorenzo Fanara, Ambasciatore d’Italia in Tunisia. Ai lavori in Tunisia parteciparono Paola Sarcina (Direttore artistico Cerealia Festival), Lucio Fumagalli (Presidente INSOR), Kais Ben Amar del Rotary Club Tunis Mediterranee e Franz Martinelli, President incoming del Rotary Club Roma Cassia e presidente di “Gi.&Me. Association”, nonché coordinatore del progetto dedicato ai grani autoctoni di Tunisia. Il progetto ha generato la costituzione di un team di giovani professionisti e studiosi, impegnati nella realizzazione di attività, ricerche scientifiche e divulgative che costituisce un capitale umano d’eccellenza, unico nel suo genere, sviluppato secondo un modello di lavoro innovativo e in continua evoluzione. Nel tentativo di comprendere l’importanza del cibo, del grano e del rapporto con il Mediterraneo il giornalista Domenico Letizia ha intervistato, per il quotidiano Cronache di Napoli e Cronache di Caserta, il protagonista del progetto tunisino, Franz Martinelli, presidente di “Gi.&Me. Association”.

Di seguito il file dell’intervista:

Categorie
Blog News

Questionario per gli operatori delle pesca nel mare

La società ITENE, che è partner nel progetto Surefish, nel quale Gi.&Me Association è presente, ha lanciato questo importante questionario per gli operatori della pesca. Abbiamo bisogno del tuo supporto al fine di raccogliere quante più informazioni possibili, al fine di sviluppare e completare al meglio le informazioni per le nostre ricerche. Abbiamo creato tale questionario online per raccogliere informazioni dai produttori, imballatori di pesce e per la catena di approvvigionamento del pesce.

Completa pure il questionario al link che trovi di seguito e se sei a conoscenza di altre società che possano contribuire, non esitare ad inoltrarlo.

Il nostro scopo è quello di valorizzare il mare, la pesca e la produzione sostenibile.

Questionario: https://forms.gle/TrxDywzQma8pgKUZ6

Se hai eventuali domande, non esitare a contattarci.